Raccontami di te. “I mititura”

S’arrenninu l’omini a la stanchizza

ittànu all’aria li fanci e li zappùna (malidicennuli)

ci scricchianu i rini, i vrazza e tutti l’ossa

u nn’hannu cchiù la forza di parlari.

E ì affacciatu a u finistruni,

m’arrìcriu cu u sciàuru da ristuccia appena tagliata.

Continua a leggere

Il rumore sordo dei vagoni arruginiti

“Emetteva un rumore sordo, come vagoni arrugginiti di una vecchia ferrovia, la sua nera macchina da cucire. Lei, con i capelli spettinati dal vento, e io a saltare sui quadrati disegnati col gesso col ritmo del ricamo sulla stoffa”  Continua a leggere